Cosa sono
le cellule staminali

Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate SafeCord_cellule_staminali_02ma dotate della capacità di trasformarsi in diversi altri tipi di cellule del corpo attraverso un processo denominato ‘differenziamento’ cellulare.

Caratteristiche distintive

Una cellula staminale è caratterizzata dalle seguenti proprietà: l’autorinnovamento e la pluripotenza.

L’autorinnovamento è la capacità di tali cellule di compiere un numero illimitato di cicli replicativi mantenendo sempre il medesimo stadio differenziativo. Ogni cellula staminale realizza l’autorinnovamento o tramite la divisione asimmetrica obbligata (ossia la staminale madre da origine ad un’altra staminale e ad una cellula destinata a differenziarsi) oppure mediante SafeCord_cellule_staminali_03‘differenziamento stocastico’ (quando una popolazione di cellule staminali si conserva poiché esiste un numero pressoché uguale di staminali che generano altre due staminali replicandosi, accanto a staminali che generano due cellule destinate a differenziarsi).

La pluripotenza è invece quella capacità di dare origine ad una o più linee o tipi cellulari tramite il differenziamento. In questo concetto viene compreso anche quello di ‘trans differenziamento’, cioè la capacità di una cellula staminale di cambiare la propria linea cellulare modificando il suo programama di sviluppo in fase di differenziamento.

SafeCord_cellule_staminali_04La potenza differenziativa

Le cellule staminali si claassificano in base alla loro potenza:

  1. Totipotenza: la capacità di una singola cellula di dividersi e produrre tutte le cellule differenziate in organismo. Le cellule staminali totipotenti sono le spore (nei funghi) e gli zigoti.
  2. Pluripotenza: è la capacità di una singola cellula di dividersi e di differenziarsi in uno qualsiasi di tre starti germinali:
    • Endoderma (rivestimento interno dello stomaco, dello strato gastrointestinale, i polmoni).
    • Mesoderma (muscoli, ossa, sangue e urogenitale).
    • Ectoderma (tessuti epidermici e del sistema nervoso).
  3. Multipotenza: è il potenziale di differenziarsi in un numero limitato di lignaggi cellulari (cellule progenitrici). Sono cellule considerate di essere permanentemente impegnate in una funzione tissutale specifica.
  4. Oligopotenza: è la capacità di differenziarsi solo in alcuni tipi di cellula.
  5. Unipotenza: è la capacità di differenziarsi in un singolo tipo di cellula (cellule precursori).

SafeCord_cellule_staminali_05

Le principali caratteristiche delle cellule staminali cordonali:

  • Raccolta facile e  indolore
  • Sterilità
  • Versatilità (elevata compatibilità)
  • Immediata reperibilità (delle unità crioconservate)
  • Cellule immature  (non inducono rigetto o GVHD cronico)
  • Plasticità (capacità di dar vita a vari tipi di tessuti)
  • Cellularità (concentrazione di linfociti Treg, EPC, MSC con effetto anti-infiammatorio)
  • Eticità
  • Recupero post-impianto (più lento in termini di neutrofili e piastrine)

Le cellule staminali vengono divise in due categorie secondo la provenienza: somatiche o embrionali. Le cellule staminali embrionali sono ottenute a mezzo di cottura ricavate dalle cellule interne di una blastocisti (un aggregato di cellule progenitore dell’embrione).

Le cellule staminali somatiche sono cellule non specializzate reperibili tra cellule specializzate di un tessuto specifico e sono prevalentemente multipostenti. Queste sono utilizzate in cura per oltre 70 malattie e patologie. All’interno di questa categoria entrano anche le cellule staminali del cordone ombelicale e la principale caratteristica è che esse vanno a generare gli elementi fondamentali del sangue umano ossia globuli rossi, globuli bianchi e piastrine.